Sotto il cappello di Torino Fringe Festival, professionisti del settore e direttori artistici provenienti da tutta Italia sono invitati ad assistere alle rappresentazioni, partecipano a momenti di incontro con gli artisti e si impegnano a prendere accordi di circuitazione con le compagnie selezionate.

ERT del Friuli Venezia Giulia

Teatro Stabile di Torino – Torino

Fondazione Piemonte dal Vivo

Teatro della Tosse – Genova

Armunia – Castiglioncello (LI)

Strabismi Festival  – Foligno (PG)

Teatro Fassino – Avigliana (TO)

Articolo Nove – Torino

Nuovo Teatro delle Commedie – Livorno

PimOff – Milano

Teatro delle Selve  – Vacciago (NO)

Fare Critica Festival – Lamezia Terme (CZ)

Teatro Concordia – Venaria (TO)

Prometeo Cooperativa Teatrale – Bolzano

Fucina Culturale Machiavelli – Verona

Asti Teatro 41 – Asti

Programma 2019

Torino Fringe FestivalFRIdom Edizione 2019 è un festival multidisciplinare: qui s’incontrano, in dieci giorni di iniziative, la magia del teatro, l’immediatezza e il calore delle arti di strada, la forza della musica e la potenza delle arti audio-visive, dialogando in vari spazi urbani di Torino. Un’esplosione in programma dal 9 al 19 maggio 2019, con 230 appuntamenti totali. Un vero inno allo spettacolo dal vivo dove il pubblico viene solleticato da linguaggi diversi, arti performative che toccano corde insolite, temi differenti, dai più impegnati ai più leggeri.

Fuori dai canonici circuiti istituzionali, in questi sette anni Fringe è cresciuto, cercando un incontro tra il mondo degli artisti, delle compagnie e degli operatori e del pubblico, che ha trovato nella rassegna spettacoli di qualità in luoghi non convenzionali. Il 2019 è un anno di crescita e cambiamento. Tema di questa edizione è “FRIdom”, che richiama il concetto di freedom (libertà) e scaturisce dalla radice di fringe (margine/ bordo), unita al termine free (libero). Gli spettacoli in programma sono il simbolo della libertà, valore fondante per il festival e per gli artisti coinvolti: libertà come diritto essenziale di ciascuno e come espressione di tutti i modi di fare arte. Nuove prospettive di ricerca, uno spirito libero, indipendente e profondamente popolare permettono di invadere strade, piazze, stazioni, mercati, teatri, locali e musei con lo spettacolo dal vivo, includendo un pubblico sempre più vasto.

In stretta relazione con il sentire delle persone, e soprattutto dei giovani, FRIdom parla di rispetto dell’ambiente: vuole essere un festival eco-sostenibile, per ridurre l’impatto sull’ecosistema, incentivando il pubblico a buone pratiche ecologiche.

Il Festival promuove inoltre il coinvolgimento diretto dei torinesi, invitandoli a offrire ospitalità e pernottamento agli artisti, ad aderire attivamente in qualità di volontari, a partecipare alle libere azioni performative.

Il programma 2019 cresce e si sviluppa, poi, estendendo il proprio campo d’azione: oltre a residenze artistiche, conferenze e installazioni temporanee, le sezioni già esistenti (teatro, arte di strada, musica, arti visive, accessibile) si ampliano con l’inedita sezione cinema, video-arte e sonorizzazione dal vivo. Altra new entry, il progetto Fringe in Rete, che mette a sistema e rafforza le competenze del circuito Torino Fringe Festival.

La manifestazione si realizza grazie al lavoro delle compagnie teatrali Crab, Ops, Onda Larsen, Mulino ad Arte, Proprietà Commutativa, Contrasto, Nouvelle Plague, Anomalia Teatro, Arete Teatro e al sostegno di enti e istituzioni del territorio.